in

ProCult Film Festival, la Romania porta il suo cinema in Italia

Cinque giorni di proiezioni a Roma, per unire i due Paesi anche attraverso il grande schermo. Si inizia il 25 novembre con “Dopo 25 anni. Sposati alla rivoluzione’’

 

Roma – 16 novembre 2015 – Si terrà dal 25 al 29 novembre, a Roma all’Accademia di Romania (p.zza José de San Martin, 1 – Valle Giulia) e alla Casa del Cinema di Roma, la VI edizione del ProCult Film Festival, un gala d’eccezione dedicata al cinema romeno

Verranno presentati al pubblico lungometraggi, documentari, cortometraggi e animazioni a cominciare da “Dopo 25 anni. Sposati alla rivoluzione’’, che aprirà il festival, mercoledi, 25 novembre, alle ore 20.00, all’Accademia di Romania.  Nei giorni seguenti le proiezioni si sposteranno alla Casa del Cinema.

Tantii  film in lingua originale, con sottotitoli in italiano, ci saranno: ,,Il prescelto/Cel ales’’, ,,Funerali felici / Funeralii fericite’’, ,,La posizione del bambino / Poziția copilului’’, ,,Qed’’ ( Premio della Giuria al Festival Internazionale del Film di Roma – 2013 ), ,,Via della Bandiera n.0/ Str.Drapelului nr.0’’, ,,Un piano di sotto/ Un etaj mai jos’’, ,,Foresta di Sinisa Dragin’’ ( Premio della Giuria per il film più innovativo al festival Visions du Réel 2014 e Menzione Speciale della Giuria al festival di Sarajevo. ), eccetera.

Manifestazioni come il Festival del Cinema Romeno vengono a rinforzare, con modalità nuove e diverse, adeguate ai nostri tempi, i legami culturali tra i due Paesi, risultato del continuo scambio storico tra le due culture dovuto innanzitutto al comune ceppo linguistico, ai valori culturali e religiosi comuni condivisi. Questo evento porterà un ulteriore contributo allo sviluppo e all’approfondimento delle relazioni e dell’amicizia tra romeni e italiani. 

Festival del cinema romeno – Roma (Migreat.it)

INGRESSO GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Anna Balea

 

 

 

Condividi su:

Renzi: “Rifugiati terroristi? No, i rifugiati scappano dai terroristi”

Terrorismo e Islam. Alfano: “Distinguiamo chi spara da chi prega”