in

Decreto flussi: cos’è il contratto di soggiorno per lavoro subordinato? L’esperto risponde

Roma, 21 settembre 2022 – Il contratto di soggiorno è un contratto di lavoro necessario ai fini del rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato nell’ambito della procedura dei “flussi”, pertanto quando un cittadino straniero entra in Italia tra le cosiddette quote di ingresso annualmente programmate.

E’ quindi un contratto essenziale ai fini del rilascio di un primo permesso di soggiorno in di primo ingresso per motivi di lavoro (subordinato).

Si tratta tuttavia di una particolare tipologia di contratto proprio perché viene stipulato tra datore di lavoro che ha richiesto (ed ottenuto) il nullaosta e un lavoratore che ha fatto ingresso in Italia nell’ambito dei flussi.

Per tale motivo, oltre agli elementi standard di un contratto di lavoro (tipologia di rapporto, contratto collettivo applicato..), il contratto di soggiorno deve altresì contenere l’indicazione di un alloggio destinato al lavoratore (munito di relativa idoneità) e l’impegno del datore di lavoro al pagamento delle spese di viaggio per il rientro del cittadino straniero nel proprio Paese.

Dove si firma il contratto di soggiorno: termine di 8 giorni dall’ingresso

Il contratto di soggiorno deve essere firmato dal cittadino straniero entro 8 giorni dall’ingresso in Italia presso lo Sportello Unico Immigrazione della Prefettura del luogo in cui si svolgerà l’attività lavorativa.

Il datore di lavoro invece dovrà stipularlo in sede di richiesta di nullaosta.

Rinnovo del permesso di soggiorno: necessario nuovo contratto di soggiorno?

E’ importante inoltre sapere che, in caso di rinnovo del permesso di soggiorno, nelle ipotesi in cui sia ammesso, non sarà necessario stipulare un nuovo contratto di soggiorno, con la conseguenza che il datore di lavoro non sarà tenuto al doppio obbligo della garanzia dell’alloggio e del pagamento delle spese di rimpatrio del lavoratore straniero.

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Federica Merlo, avvocato

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 4 Media: 4]

Morat in concerto a Roma il 23 settembre

Immigrazione, la lettera delle Ong rivolta ai politici: “Cosa cambierà dopo le elezioni?”