in

Salvini: ‘I membri della Sea Watch non la passeranno liscia’

Milano , 14 giugno 2019 – Quella della nave Sea Watch 3 “è una sfida politica senza senso”, ma i membri del suo equipaggio “non pensino di passarla liscia”. Lo ha detto il vicepremier, ministro dell’Interno e segretario della Lega, Matteo Salvini, durante un’intervista a Radio Cusano Campus.

Sempre a proposito della nave con a bordo 53 migranti il ministro ha aggiunto che chi la guida sta “ciondolando, perdendo tempo e mettendo a rischio vite da ore e ore perché sono partiti da vicinissimi alla coste libiche ed è stata la stessa Ong a chiudere un porto sicuro alla stessa Libia che, per la prima volta, ha risposto positivamente e loro se ne sono fregati, poi erano vicini alla Tunisia e non ci sono andati, vicini a Malta e non ci sono andasti perché vogliono per motivi politici, per creare scontro politico, arrivare in Italia”.

“Si sono avvicinati a Lampedusa, abbiamo ovviamente e legalmente imposto fermi e divieti, ma non pensino di passarla liscia anche perché per questa loro sfida politica senza senso hanno a bordo 53 persone, non ci facciamo dettare le regole sullimigarzine o imporre leggi contrarie a quelle approvate da governo e Parlamento da una Ong tedesca che usa una nave olandese evidentemente fuori legge”.

“È la terza volta che la stessa nave negli ultimi mesi ha lo stesso comportamento, è evidente che è una forzatura politica sulla pelle degli immigrati e disgraziato e io sono stanco quindi zero”. Quanto al salvataggio in mare dei migranti Salvini ha sottolineato che al posto della Sea Watch “stava intervenendo la guardia costiera libica che si era assunta la responsabilità dell’evento, è tutto scritto. Il problema è che l’Unione europea si svegli,mèche vangano bloccate a terrà queste partenze e che venga reso sicuro un porto libico, sotto il controllo delle autorità internazionali, ma stanno pisolando”.

Condividi su:

Migranti. Flash mob di 46 associazioni a Piazza di Spagna

Integrazione. Al via la ‘Festa dei Popoli’ contro i luoghi comuni e la paura