in

Coronavirus. Osservatorio Rizzotto: “Migliaia di immigrati abbandonati”

Roma, 19 marzo 2020 – “I migranti e i richiedenti asilo fuoriusciti dalla chiusa dei Centri di Accoglienza Straordinaria (Cas) a seguito dell’applicazione del Decreto Sicurezza di Salvini continuano a lavorare sfruttati nei campi come se non ci fosse il Covid-19. Le loro sorti non interessano né le aziende né le autorità. Eppure mai come ora, sono fondamentali per la quiete collettiva”.

È quanto denuncia Jean-René Bilongo, Coordinatore dell’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai Cgil.

“In molti distretti agricoli, testimonia Bilongo all’ANSA, il quotidiano degli immigrati non è mutato: uscita all’alba dai ghetti in cui si accalcano a centinaia in condizioni disperate, lunghe giornate nei campi senza nessun dispositivo di protezione individuale, misure di sicurezza inesistenti, paghe da fame.  In tanti luoghi della Penisola, gli invisibili sembrano ancora più spettrali del solito. In questi ghetti, si continua ad arrangiarsi per sbarcare il lunario. Nessuna parvenza, nessuna eco di alcuno straccio di disposizioni tarate sulla loro condizione soggettiva”.

Coronavirus. Migranti senza più soccorsi nel Mediterraneo, le Ong fermano le missioni di salvataggio in mare

Coronavirus. Il consiglio del Ministero della salute: “Attenzione al fumo di sigaretta”