in

Foggia, migrante muore carbonizzato in una baraccopoli

Roma, 29 aprile 2019 – Un migrante è morto carbonizzato nella baraccopoli di Borgo Mezzanone in provincia di Foggia.

Una baracca è andata a fuoco e una volta spente le fiamme è stato rinvenuto il cadavere dell’uomo, ancora da identificare. Sul luogo sono intervenuti i carabinieri. I vigili del fuoco indagano per accertare le cause del rogo, probabilmente divampato da una stufetta o dal fuoco solitamente usato in queste baracche per riscaldamento.

Il baraccato sorge a ridosso di un Cara (Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo) e, a quanto si apprende, vi trovano rifugio i migranti dimessi dalla struttura dopo che è stata respinta la loro richiesta di protezione umanitaria.

Condividi su:

Cassazione: ‘Non si può negare l’asilo a migranti se la loro vita è a rischio’

Italia e Germania prime mete per minori stranieri soli