in

Lazio. I Vescovi: ‘Aiutare tutti i poveri, non prima gli italiani’

Città del Vaticano, 10 giugno 2019 – I 21 vescovi del Lazio invitano i fedeli, in una lettera pubblicata in occasione della solennità di Pentecoste, “ad una rinnovata presa di coscienza: ogni povero – da qualunque paese, cultura, etnia provenga – è un figlio di Dio. I bambini, i giovani, le famiglie, gli anziani da soccorrere non possono essere distinti in virtù di un ‘prima’ o di un ‘dopo’ sulla base dell’appartenenza nazionale”.

“Carissimi fedeli delle diocesi del Lazio”, si legge nella lettera diramata, tra gli altri, dal Vicariato di Roma guidato dal cardinale Angelo De Donatis, “desideriamo offrirvi alcune riflessioni in occasione della solennità di Pentecoste che ci mostra l’icona dell’annunzio a Gerusalemme ascoltato in molte lingue: pensiamolo come il segno del pacifico e gioioso incontro fra i popoli che attualizza l’invito del Risorto ad annunciare la vita e l’amore”.

“Purtroppo nei mesi trascorsi le tensioni sociali all’interno dei nostri territori, legate alla crescita preoccupante della povertà e delle diseguaglianze, hanno raggiunto livelli preoccupanti. Desideriamo essere accanto a tutti coloro che vivono in condizioni di povertà: giovani, anziani, famiglie, diversamente abili, disagiati psichici, disoccupati e lavoratori precari, vittime delle tante dipendenze dei nostri tempi”.

“Sappiamo bene che in tutte queste dimensioni di sofferenza non c’è alcuna differenza: italiani o stranieri, tutti soffrono allo stesso modo. È proprio a costoro che va l’attenzione del cuore dei credenti e – vogliate crederlo – dell’opzione di fondo delle nostre preoccupazioni pastorali”.

Condividi su:

Soccorso ai migranti. Salvini sarebbe indagato da tre Procure

Roccella Jonica, sbarcati 62 migranti: arrestati scafisti ucraini