in

Libia: migranti “terrorizzati” nei centri di detenzione

Roma, 8 aprile 2019 – I migranti presenti nei centri di detenzione di Tripoli sono “terrorizzati” dai combattimenti in corso nella capitale libica e molti di loro sono senza acqua e senza cibo.

E’ quanto emerge dalle testimonianze raccolte da al Jazeera in diversi centri presenti nella capitale libica. Stando ai dati Onu, sono circa 6.000 le persone presenti nei centri gestiti dal governo di Tripoli, tra cui oltre 600 bambini.

Condividi su:

Il caso. Torino, profugo del Gambia si uccide in una casa diocesana

Guzzetti (Cariplo): “Servono risposte e non rabbia al fenomeno immigrazione”