in

Il monito. Papa Francesco: “Migranti esame di coscienza quotidiano per tutti”

Roma, 9 luglio 2020 – “Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”, dice Gesù nel Vangelo di Matteo. “‘Tutto quello che avete fatto…’, nel bene e nel male!”, ha commentato il Papa nell’omelia della messa che ha voluto celebrare nel settimo anniversario della visita a Lampedusa.

“Questo monito risulta oggi di bruciante attualità. Dovremmo usarlo tutti come punto fondamentale del nostro esame di coscienza quotidiano. Penso alla Libia, ai campi di detenzione, agli abusi e alle violenze di cui sono vittime i migranti, ai viaggi della speranza, ai salvataggi e ai respingimenti” – ha concluso il Papa.

Lamorgese: “I decreti sicurezza di Salvini cambieranno anche oltre i rilievi del Quirinale”

Decreto sicurezza. Consulta: “Irragionevole no all’anagrafe ai richiedenti asilo”