in

Migranti. Lamorgese: “Flussi incontrollati, la Tunisia agisca”

Roma, 28 luglio 2020 – Le “forti preoccupazioni italiane” per l’incremento degli arrivi via mare dei migranti sono state condivise dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che a Tunisi ha incontrato il presidente del Paese nordafricano, Kais Saied.

Al 24 luglio su 11.191 migranti sbarcati in Italia, ben 5.237 sono partiti dalla Tunisia e di questi quasi 4 mila sono tunisini. Si tratta, spiega il Viminale di “flussi incontrollati” che creano “seri problemi legati alla sicurezza sanitaria nazionale che si riverberano inevitabilmente sulle comunità locali interessate dai centri di accoglienza, dai quali, tra l’altro, i migranti tunisini in particolare cercano di allontanarsi in ogni modo prima del termine del periodo di quarantena obbligatorio”.

La ministra ha quindi sottolineato che risulta “determinante l’azione della Tunisia” ed il presidente Said “ha dato rassicurazioni su una intensificazione dei controlli alle frontiere marittime per contrastare l’attività dei trafficanti di migranti”.

Di Maio: “L’Ue deve riprendere la redistribuzione dei migranti”

Cara Italia: “Ecco le nostre richieste a Lamorgese per la modifica della regolarizzazione”