in

Corte Ue: “Per i rimpatri dei minori stranieri serve accoglienza sicura”

Roma, 14 gennaio 2021 – “Prima di emettere una decisione di rimpatrio nei confronti di un minore non accompagnato, uno Stato membro deve accertarsi che nello Stato di rimpatrio sia disponibile un’accoglienza adeguata per il minore”.

Questo quanto stabilito dalla Corte di giustizia della Ue in una sentenza.

“Inoltre, se al momento dell’allontanamento non è più garantita un’accoglienza adeguata, lo Stato membro non potrà eseguire la decisione di rimpatrio”, sottolineano i giudici.

Il comune di Roma apre due spazi Covid per migranti e richiedenti asilo

Bollettino covid 14 gennaio: sono 415 in meno i ricoverati nei reparti ordinari